L’aneto è un’erba aromatica dal profumo fresco e delicato, dalle interessanti proprietà.

L’aneto è un’erba aromatica dal profumo fresco e delicato, dalle interessanti proprietà; vale davvero la pena inserirlo tra gli aromi della cucina. Come altre ombrellifere, l’aneto agisce soprattutto sull’apparato gastrointestinale.

I semi, e in minor misura le foglie, favoriscono la digestione, alleviano le coliche, prevengono le fermentazioni intestinali, le flatulenze e le eruttazioni. Masticati in piccole dosi, i semi deodorano l’alito; trasformati in infuso, calmano il singhiozzo e il vomito nervoso.

Poco diffuso in Italia, l’aneto ha foglioline verdi ed esili simili a quelle del finocchio selvatico; del resto, le due piante appartengono alla stessa famiglia, quella delle ombrellifere (che comprende anche carote, cumino, coriandolo ecc.).

L’aroma e il gusto sono però più intensi rispetto a quelli del finocchietto. Dell’aneto si usano anche i semi, che sono particolarmente aromatici.

Quest’erba è tipica di varie cucine del Vicino e Medio Oriente (in India se ne usa in realtà una specie diversa), dell’Europa centrosettentrionale e orientale. Minestre, patate, legumi, olio e aceto si avvalgono del suo gradevole aroma, che entra pure nella preparazione di un pane greco.

È anche molto usato in Europa per preparare verdure fermentate, in particolare i cetriolini agrodolci – perciò molti di noi hanno probabilmente assaggiato quest’erba, pur senza saperlo.

È giunto quindi il momento di scoprire l’aneto, fresco o secco; è delizioso su tutti i cibi già elencati, ma anche su tanti ortaggi, come zucchine, cavoli, peperoni, fagiolini, cetrioli. Da provare anche con formaggi veg, yogurt e panna vegetali. L’importante è aggiungere l’erba a fine cottura, altrimenti si rischia di disperderne l’aroma. I semi possono essere macinati sui cibi.

Coltivare l’aneto.

Poiché non è facile trovare quest’erba fresca, può essere una buona idea coltivarla: è anche abbastanza ornamentale. Si può seminare nell’orto o in un vaso sul balcone; in questo caso, va però utilizzato un recipiente abbastanza capiente perché la pianta può arrivare al metro di altezza.

Bisogna esporre l’aneto al sole e tenerlo al riparo dal vento. La raccolta può iniziare un paio di mesi dopo la semina. La pianta è annuale, perciò in autunno vale la pena raccogliere tutti i rami e fare seccare le foglie per l’inverno.

Ecco 4 ricette facili e veloci con aneto (in collaborazione con La Cucina di Susana):

https://lacucinadisusana.blogspot.com/…/fricassea-di-coniglio-con-pomodori- e.html
30 mar 2009  aneto zucchero vino bianco secco olio d’oliva sale grosso e fino pepe. Preparazione (30′) + la canditura dei pomodori. Tagliate 8 pomodori a …
https://lacucinadisusana.blogspot.com/…/tartine-di-aringhe-all.html
tartine_all'aneto
24 ott 2015  Una delle proprietà principali dell’aneto, conosciuta già in tempi antichi, è quella di contrastare il bruciore di stomaco e di favorire il processo …
https://lacucinadisusana.blogspot.com/…/zabaione-salato-allaneto-con- puntarelle.html
9 mar 2014  Dell’aneto in cucina si usano sia i semi sia le foglie soprattutto nella cucina scandinava, che li accosta ad uova, pesce (salmone), molluschi e …
https://lacucinadisusana.blogspot.com/…/koulibiac-di-salmone-al-profumo-di. html
27 gen 2011  Sopra questo distribuite i funghi con gli spinaci, privati dell’aglio, poi il salmone, un po’ di aneto tritato e il burro rimasto a fiocchetti. Ricavate …

 

Precedente Interventi che si possono eseguire sui castagneti da frutto, con e senz'autorizzazione. Successivo Il basilico è utilizzato tipicamente nella cucina italiana e nelle.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.