Come moltiplicare una pianta di rosa con la tecnica della talea, accorgimenti e cure.

La moltiplicazione della rosa può avvenire tramite talea, propaggine, margotta e innesto. In questo articolo ci soffermeremo sulla propagazione della rosa più semplice, quella per talea ma vi darò infarinature generali anche circa la moltiplicazione per innesto e per margotta.

Moltiplicazione della rosa, la margotta.

I rosai tappezzanti si moltiplicano facilmente tramite propaggine da eseguire a fine maggio-giugno; quando la rosa presenta rami molto rigidi che non si si prestano a essere piegati verso il suolo, la margotta è la scelta ideale e si esegue da maggio a settembre.

Innesto di rosa.

Il tipo di innesto adatto per la moltiplicazione delle rose è quello a scudetto e si fa tra maggio e giugno (con gemma vegente) o a settembre con gemma dormiente. La moltiplicazione per talea può essere eseguita in due periodi: tra giugno e luglio o a novembre-dicembre. Vediamo come si fa la talea di rosa.

rosa

La rosa si può moltiplicare per talea legnosa (o semi-legnosa) e talea verde (o talea da foglia). In questa pagina vi darò tutte le istruzioni per eseguire ambedue le tecniche di moltiplicazione della rosa.

Moltiplicare una rosa per talea.

La talea è un metodo di moltiplicazione che consiste nel far radicare una porzione di ramo prelevato da una pianta madre. In base al tipo di ramo prelevato, il periodo migliore per fare la talea di rosa varia.

Talea di rosa, quando si fa .

Il periodo migliore per eseguire la talea di rosa dipende dal tipo di ramo da far radicare.

Tra giugno e luglio, nel caso vengano usate talee non ancora lignificate, cioè di colore verde e dalla corteccia giovane. In questo periodo è possibile eseguire anche la talea della foglia.

Tra novembre e dicembre se si tratta di talee lignificate, cioè rami dalla corteccia scura e consistente.

Cosa serve per preparare una talea di rosa?

Vaso dal diametro di circa 10-12 cm
Ramo di rosa di 15-20 cm da trasformare in talea
Composto ormonale tipo radicante
Miscuglio di torba, terra da giardino e sabbia
Bottiglia di plastica
Talea di rosa, come fare

Per fare la talea di rosa, prelevate una porzione di ramo dalla lunghezza di 15-20 cm. Il ramo scelto per la talea non deve aver prodotto fiori e va tagliato subito sotto un nodo.

Eliminate la parte apicale del ramo, lasciate solo una o due foglie. Il ramo di rosa, così preparato, dovrà essere immerso con la base in un prodotto ormonale. I prodotti ormonali faranno radicare il vostro ramo.

I prodotti ormonali per talee di rosa sono reperibili presso i consorzi agrari, nei centri commerciali specializzati in giardinaggio o online, è il caso del Radicante Clonex , un prodotto ormonale che favorisce l’emissione e lo sviluppo delle radici nelle talee legnose, proprio come quelle delle rose.

Nell’impiego del radicante, leggere le indicazioni riportate sulla confezione d’acquisto, ho impiegato personalmente questo radicante con piena soddisfazione.

talea-da-rosa

Riempite un vaso dal diametro di circa 10-12 cm con una miscela (data in parti uguale) di torba, terra di giardino e sabbia, da mantenere moderatamente umida. Interrate la talea di rosa per 8-10 cm.

Per stimolare ulteriormente la radicazione, infilate sulla talea una bottiglia di plastica alla quale avrete eliminato il fondo.

Trascorsi 50-60 giorni vedrete spuntare i primi germogli dalla talea eseguita tra giugno e luglio. Per le talee autunno-invernali, invece, bisognerà attendere la primavera successiva per vedere i primi germogli. La piantina di rosa sviluppata dalla talea dovrà essere lasciata in vaso e irrigata settimanalmente fino a quando non sarà pronta per la messa a dimora. La messa a dimora può avvenire in piena terra o in un vaso dal diametro di 20 cm.

Talea di rosa da foglie: periodo e istruzioni

Come premesso, la talea di rosa, oltre che dal ramo (talea semilegnosa), si può ottenere dalle foglie. A differenza della talea semilegnosa che si effettua tra fine estate e inizio autunno, per la talea da foglie si preferisce il mese di luglio. Come procedere?

Asportate una foglie perfettamente integra e sana, munita di peduncolo. Praticate delle piccole e nette incisioni a croce lungo le nervature. Per questa operazione adoperate un taglierino da cartone.

Munitevi di un vaso che sia abbastanza largo da poter distenderci sopra la foglia, preferibilmente basso. Adagiate la foglie sul terriccio e ricopritela con un ulteriore strato (sottilissimo!) di terriccio soffice. Quando si svilupperanno getti abbastanza robusti bisognerà operare il primo trapianto.

Per comprendere al meglio le fasi della moltiplicazione per talea di rosa, a partire dalla foglia (talea verde) è disponibile l’immagine in alto.

La talea di rosa a partire dalla foglia è anche chiamata talea estiva. Presenta minori possibilità di attecchimento rispetto alla talea semilegnosa ma vale la pena sperimentare!

Print Friendly, PDF & Email
 
Precedente Un viaggio alla scoperta dei vini ed i vitigni piú famosi d'Italia: seconda puntata.

Lascia un commento

*