La pesca settembrina di Leonforte matura in modo sorprendente.

Nella bella Sicilia la pesca settembrina di Leonforte matura in modo sorprendente.

Sull’albero avvolta in un sacchetto di pergamena si preserva dai parassiti e mantiene tutto l’aroma antico ed unico di una volta.

Dall’inizio del XX secolo le cultivar nazionali di pesca sono state gradualmente soppiantate da quelle americane che, a loro volta, sono state sostituite da varietà nuove che presentano caratteristiche sem­pre più diverse per dimensione, sapore, consistenza e profumo.

pesche settembrine
In Sicilia però, il tempo sembra essersi fer­mato e la cittadina di Leonforte sui colli ennesi detiene il primato di essere uno dei pochi luoghi d’Italia dove ancora si coltivano antiche varietà di pesche ed in particolare la straordinaria pesca settembrina, un frut­to dolce e gustosissimo, con un bouquet cosi intenso e concentrato che ne bastano quattro per profumare una sala da pranzo.

M3361S-3034

I leonfortesi, non paghi della loro esclusiva varietale, hanno il merito poi di avere adottato una tecnica di coltivazione assolutamente originale – e dispendiosissi­ma – che gli permette di offrire al mercato un prodotto più unico che raro.

Intorno alla prima metà di giugno, tutte le pesche anco­ra verdi, una per una, vengono chiuse in un sacchetto di carta pergamenata, che viene fissato al ramo con un pezzette di fìl di ferro – si avete capito bene, una per una. Fatica improba, che in tempi di coltivazioni ultrameccanizzate rasenta la follia. se si pensa che pensino in questa regione del sud la manodopera è diventata costosa e soprattutto dif­ficile da reperire.

Cosa ancor più interessante è che questa strana procedura colturale sembra sia una tecnica recente nata negli anni Cinquanta quando la Sicilia, povera di denari, preferiva impiegare manodopera a buon mercato per difendersi dalla temutissima mosca della frutta. La pesca nel sacchetto divenne cosi un antesignano delle coltivazioni biologiche, proprio quando in Italia si stavano gettando le basi dell’agricoltura moderna.

Il frutto cosi incartato matura nel suo sacchetto dove resta protetto da insetti, pioggia, vento e gelate, senza subire alcun trattamento antiparassitario. Una vera e propria microserra che, sicuramente aiuta­ta dal clima e dal suolo locale, sviluppa quelle uniche caratteristiche che rendono la Pesca settembrina di Leonforte un frutto ambito e apprezzato sia in Sicilia che in tutta Italia.

Leonforte_cartina

Se ti è piaciuto l’articolo , iscriviti al feed cliccando sull’immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

feed-rss-285x244

Print Friendly, PDF & Email
 
Precedente Le mille proprietà dei fiori e delle bacche di sambuco. Successivo Uva da bere, uva da mangiare: gli acini protagonisti dei piatti, richiedono il nettare dei grappoli.

Lascia un commento

*