Istruzioni e Consigli per valorizzare la bellezza della Stella di Natale.

Nella Stella di Natale è possibile trovare esemplari bianchi, crema, rosa, salmone, nonché nelle tonalità del viola, del giallo e naturalmente del rosso.

La varietà di colori non è il loro unico vantaggio. Sono sempre più resistenti e si adattano alla perfezione a vivere in interni.

Di certo si avrà una stella di Natale in casa in questo periodo. È il simbolo di eventi festivi e non soltanto in Italia. I vivai e i fiorai ne sono pieni e l’offerta fa sì che i prezzi salgano alle stelle.
stella_di_natale

Si contraddistingue per la sua caratteristica rosetta di brattee (false foglie) di colore rosso, così belle da sembrare fiori. Questo succedeva prima, perché ora gli esperti stanno sperimentando una gamma di colori e di screziature stupefacenti.

Osserva le nuove varietà che ti mostriamo. Per quanto riguarda il fiore, nonostante la
sua dimensione e l’aspetto insignificante, rappresenta uno dei migliori indicatori al momento di acquistare l’esemplare. Sono quei piccoli bottoni di colore gial­lo che crescono al centro della rosetta che formano le brattee. Più sono ravvi­cinati meglio è, significa che la fioritura non è ancora avvenuta e in tal caso, le brattee, si manterranno per mesi.

stella-natale-cure

I segreti per coltivarla.

Fiorisce a partire della fine dell’autunno. A volte fino all’inizio della primavera, sempre che venga ollocata in un luogo ben illuminato anche dal sole invernale diretto, la terra deve essere mantenuta sempre umida ma senza ristagni, e che venga concimata con regolarità durante la fioritura. Se, inoltre, viene collocata in una stanza lontana dalle fonti di calore e si aumenta l’umidità ambientale vaporizzandola indirettamente, si avranno stelle di Natale per molto tempo, anche da un’anno all’altro. Ecco tutte le cure di cui ha bisogno e qualche indicazione : Non bisogna considerarla solfante buon regalo di Natale.

La stella di Natale è il simbolo ma non è l’unica cosa che con­tribuisce a creare un ambiente speciale in questo periodo.

Con la combinazione di verde e rosso il risul­tato è assicurato. Ad esempio, con coccole di rose o con esem­plari in genere per l’esterno ma che ora si trovano in piccoli vasi, come la skymmia (Skymia), il cotogna­stro (Cotoneaster) o l’agrifoglio (Ilex aqui-folium).

Stella-di-Natale

Scegliere un esemplare.

• Comprare la pianta quando è nel pieno del colore. Un esemplare sano ha le foglie di un verde brillante, con aspetto fresco e senza i bordi gialli.
• Fare attenzione allo stelo per verificare che non siano già cadute alcune foglie o brattee. Una volta che iniziano a cadere, difficilmente si rinnovano in casa.
• Non comprare esemplari con i fiori aperti. Durano molto poco e una volta avvizziti inizieranno ad avvizzire anche le brattee, la loro caratteristica migliore.
• Evitare di comprare queste piante dagli ambulanti se fa molto freddo. In caso contrario, assicurarsi che sia protet­ta dalla plastica che non deve essere tolta fin quando non si arriva a casa. E sem­pre consigliabile acquistarla in un vivaio o in un centro specializzato.

Una volta in casa.

• Collocarla nel luogo più umido possibile per evitare che le foglie e i boccioli cadano.
• Non gradisce gli spostamenti, una volta collocata non spostarla altrimenti potrebbe perdere tutte le sue foglie.
• Non vaporizzare sulle foglie perché si potrebbero provocare infezioni da funghi. Aumentare l’umidità in modo indiretto.
• Non collocarla in un luogo esposto alle correnti di aria né alle basse temperature, non le tollera.
• Collocarla in prossimità di una finestra, ha bisogno di molta luce e di temperature miti tutto l’anno anche se durante la fioritura è preferibile assicurare un ambiente più fresco, con una temperatura di circa 18 °C.

stella-di-natale-dettaglio

Se ti è piaciuto l’articolo , iscriviti al feed cliccando sull’immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

feed-rss-285x244

 

Print Friendly, PDF & Email
 
Precedente Piante medicinali in fitoterapia, proprietà e caratteristiche. Successivo Pubblicare sul tuo sito o blog un’informativa sull’utilizzo dei cookie, come previsto dalla normativa italiana, è molto semplice e, su Altervista, del tutto gratuito.

Lascia un commento

*